Project Detail: Non dimenticare, Srebrenica.

Contest:

NERA DI VERZASCA AWARD 2016



Brand:

Verzasca Foto



Author:

Marlin Dedaj

 

Project Info

Non dimenticare, Srebrenica.

Il reportage racconta il passaggio del camion con i 136 corpi esumati nel 2015. A partire dall'ingresso a Sarajevo fino a quando il camion arriva a Srebrenica-Potocari ho fotografato la commemorazione partendo dall’8 Luglio sino al momento di addio finale e delle sepolture l’11 Luglio.

Il genocidio di Srebrenica è una delle tragedie umane più gravi che sono state commesse in Europa dopo la fine della seconda guerra mondiale. Tutti noi abbiamo fallito perché non siamo riusciti a prevenire tutti questi conflitti, come le terribili atrocità che sono stati commessi in ex Jugoslavia, forse strategie diverse avrebbero potuto salvare migliaia di vite. E 'stata una sconfitta per l'umanità, infatti, la comunità internazionale soffre ancora le conseguenze morali e politiche di questo massacro. Venti anni dopo quella immensa tragedia, abbiamo il dovere di preservare la memoria di tutti questi eventi terribili e di interrogare la nostra coscienza al fine di evitare che eventi simili si ripetano. Non possiamo dimenticare tutte queste violenze atroci, solo se c'è giustizia possiamo almeno in parte alleviare le enormi sofferenze delle madri e di tutti coloro che hanno perso i loro famigliari e amici. Solo nel nome della giustizia sarà possibile per la Bosnia Erzegovina raggiungere una vera riconciliazione nazionale e, pertanto: la pace, la sicurezza e la convivenza tra le diverse etnie e religioni.

Didascalie:

-MarlinDedaj01: Di fronte al palazzo presidenziale a Sarajevo, Dzemal, capofila del corteo alza il braccio in segno di ricordo delle atrocità subite in BiH, insieme all’autista del camion che stinge il suo polso in segno di vicinanza e fraternità. Sarajevo, Bosnia-Erzegovina. 9 Luglio 2015.

-MarlinDedaj02: Un gruppo di Bosniaci musulmani, in prevalenza uomini ma anche giovani ragazzi, portano all'esterno del camion le bare dei loro congiunti, le 136 vittime recentemente identificate nel 2015. Cosi da poterle disporre in fila per il saluto e il riconoscimento dei propri famigliari. Srebrenica-Potocari, Bosnia-Erzegovina. 9 Luglio 2015.

-MarlinDedaj03: In questi giorni molti elicotteri militari sorvegliano di guardia il territorio per evitare spiacevoli sorprese, si sentono ancora le ferite aperte in questi momenti di commemorazione che conivolgono il paese. Cimitero Monumentale di Potocari, Bosnia-Erzegovina. 10 Luglio 2015.

-MarlinDedaj04: Un uomo, musulmano bosniaco, si sente male e piange vicino alla bara dei suoi defunti parenti, la famiglia si riunisce intorno a lui per consolarlo. Piange in silenzio le bare delle vittime recentemente identificate. del 1995 massacro di Srebrenica, presso il Centro memoriale di Potocari nei pressi di Srebrenica, in Bosnia-Erzegovina. 10 luglio 2015.

-MarlinDedaj05: Due donne in lutto davanti alla bara del loro defunto, riconsegnato quest'anno. Posando un fiore e pregano in silenzio per lui. Centro memoriale di Potocari nei pressi di Srebrenica, in Bosnia-Erzegovina. 10 luglio 2015.

-MarlinDedaj06: La gente delle vittime di Srebrenica si raduna creando una serpentina umana. Si dirigono, portando le bare sopra le loro spalle, sino al cimitero monumentale. Centro memoriale di Potocari nei pressi di Srebrenica, in Bosnia-Erzegovina. 10 luglio 2015.

-MarlinDedaj07: Tempo di preghiera dopo fischi, urla e tafferugli davanti al memoriale di Srebrenica che ricorda gli oltre ottomila musulmani massacrati dalle truppe serbe nel luglio 1995. Le proteste erano dirette contro il primo ministro Serbo, A. Vucic.che ha deciso di essere presente inaspettatamente presente alla cerimonia per i venti anni della strage. La preghiera è stata invocata dai vari Imam per placare l'enorme folla di persone. Cimitero Monumentale, Potocari, Srebrenica, BiH. 11/07/15.

-MarlinDedaj08: I funerali della famiglia Mehanovic. 25 della loro famiglia sono stati uccisi, 9 sono ancora i dispersi all'appello. Famiglia e amici seppelliscono le bare di un padre, cugino e di un figlio ancora minorenne. Cimitero Monumentale di Potocari, nei pressi di Srebrenica. 11 Luglio 2015.

Photos